Un agente ucciso e uno ferito nell'attacco al Campidoglio

Venerdì, alle porte del Congresso degli Stati Uniti (USA), un agente di polizia è morto e un altro è stato ferito dopo essere stato investito da un veicolo.

Corso dell'incidente

Si è schiantato contro la barricata, schiacciando le guardie. Dopo di che, l'aggressore è sceso dall'auto con un coltello, che ha provocato la reazione degli agenti che gli hanno sparato, ponendo fine alla sua vita.

Finora, non è stato trovato alcun legame tra l'atto e il terrorismo, poiché le motivazioni dell'aggressore sono sconosciute. Personale dell'FBI in uniforme ha fornito supporto alla polizia del Campidoglio durante l'indagine.

Poco meno di tre mesi fa, lo storico edificio statunitense è stato un flashpoint a causa dell'attacco del 6 gennaio, quando è diventato una fortezza con un'ampia sicurezza dopo che un gruppo di sostenitori dell'ex presidente Donald Trump ha fatto irruzione con violenza nel complesso, uccidendo cinque persone.

Indagine sul fuoco

Recentemente, la sicurezza sul sito era stata parzialmente ridotta, nonostante il fatto che il sito fosse in vacanza per Pasqua. Ora, con questo nuovo attacco, c'è stato un aumento del livello di sicurezza e, a sua volta, un forte senso di preoccupazione per gli attacchi - piuttosto frequenti - che si stanno verificando.

Yogananda Pittman, capo ad interim della polizia del Campidoglio, ha annunciato in una conferenza stampa che uno degli agenti non è sopravvissuto all'attacco e che anche l'autore è morto. Pittman ha poi identificato l'ufficiale deceduto come William Evans mentre offriva le sue condoglianze per la notizia.

Gli agenti sono preoccupati per la situazione, perché li rende nervosi il fatto che due aggressioni hanno già avuto luogo sul loro posto di lavoro e che, nonostante la sicurezza del sito, questi incidenti che finiscono con la morte delle persone si verificano ancora.